Un progetto troppo importante per essere piegato a logiche personalistiche

Feb 01, 18 Un progetto troppo importante per essere piegato a logiche personalistiche

Il progetto originario del Partito Democratico è quello di produrre un progresso civile e sociale del nostro Paese. Per me questo ha significato lavorare per una sinistra pronta ad impegnarsi nell’azione di governo, per tutelare chi lavora e chi un lavoro lo cerca; per affermare l’interesse delle comunità rispetto a quello dei singoli; per maneggiare con cura quello che ci è stato tramandato. È un progetto troppo importante per essere piegato a logiche personalistiche, e nessuna considerazione emotiva può offuscare il senso di gratitudine che ho nei confronti dei militanti del mio partito e dei tanti cittadini che mi hanno voluto testimoniare apprezzamento per come ho svolto il mio mandato.

Io credo che ognuno di noi, di fronte alle sfide che ci attendono nelle prossime settimane e nei prossimi mesi debba mettere in campo tutto il proprio impegno civile, la propria esperienza, le proprie capacità.

Di fronte ad una campagna elettorale complicata e a sondaggi per niente incoraggianti, questo è quello che penso adesso, e che mi permette di chiedere uno scatto ad ognuno di noi. Ricordiamoci da dove veniamo:

“Sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

Lo ha scritto Antonio Gramsci nel 1917; facciamo che oggi questo impegno prosegua con le nostre gambe, le nostre teste, la nostra volontà e tutto il nostro impegno.

PS. Un grande in bocca al lupo a Susanna Cenni, con la quale ho condiviso il lavoro per il nostro territorio e alla quale auguro di proseguire il percorso iniziato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *