Siena riconosciuta per qualita’ della ricerca e innovazione

Gen 10, 18 Siena riconosciuta per qualita’ della ricerca e innovazione

Mentre la campagna elettorale prende l’avvio con frasi ad effetto anche riguardo al mondo universitario, si iniziano a toccare con mano gli effetti delle misure che abbiamo varato nel corso degli ultimi due anni: 1) esce il bando per i Progetti di Rilevante Interesse Nazionale con una dotazione di poco inferiore ai 400 mln; 2) vengono selezionati i dipartimenti di eccellenza che si vedranno riconoscere finanziamenti premiali aggiuntivi.

Per l’Università di Siena sono quattro i dipartimenti indicati dal ministero per i progetti di alto valore scientifico (Biotecnologie, chimica e farmacia, Biotecnologie mediche, Filologia e critica delle letterature antiche e moderne, Scienze sociali, politiche e cognitive) ed uno dell’Università per Stranieri (Dipartimento di Ateneo per la Didattica e la Ricerca). Un risultato importante per la nostra città che si mostra ancora una volta competitiva anche nei confronti di realtà più grandi sulla qualità della ricerca. I cinque dipartimenti arrivano così ad intercettare una parte dei 271 milioni che abbiamo destinato ai 180 dipartimenti con le migliori performance scientifiche con la legge di bilancio 2017.
Dopo anni di forti riduzioni del finanziamento che hanno portato a criticità di bilancio per gli atenei, impedito il necessario turnover e l’inserimento di giovani ricercatori nel sistema, cominciamo a vedere i risultati delle scelte del Governo e del lavoro parlamentare di commissione e di aula che ho portato avanti in questa legislatura. Abbiamo messo in campo risorse per rafforzare e valorizzare la ricerca di qualità con investimenti in capitale umano, infrastrutture e attività didattica. Una volta a regime occorrerà valutare come correggere le inevitabili disparità che si creano tra dipartimenti di valore, che magari vedono i propri finanziamenti variare sensibilmente per qualche decimale di punto.
La nostra città dimostra di poter trarre beneficio di importanti finanziamenti pubblici grazie anche alla presenza di fortissimi asset di ricerca, e alimentare l’ambizione di essere la città in cui giovani  possono formarsi e sviluppare le proprie aspirazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *