Giusto potenziare Chiusi. Ma c’era chi puntava su altre idee

Nov 19, 17 Giusto potenziare Chiusi. Ma c’era chi puntava su altre idee

Da La Nazione Siena di domenica, 19 novembre 2017.
«NEGLI ultimi anni ho fatto il viottolo alla sede di Rfi, a volte da solo a volte con l’assessore Maggi, per chiedere il potenziamento della stazione di Chiusi con la fermata di nuove linee. E singolare che ora lo chieda anche il sindaco Bettollini, dopo che si è inseguito a lungo la prospettiva della fermata dell’alta velocità». Luigi Dallai, deputato Pd, interviene nel dibattito sull’alta velocità, sull’ipotesi di una nuova fermata denominata Media Etruria (con tre ipotesi: Chiusi, Arezzo-Rigutino, Farneta-Creti) e sul ruolo dell’attuale stazione di Chiusi.

«Conveniva insistere sulla capacità di attrarre nuove fermate di questa struttura – afferma Dallai -, cosa che peraltro né Trenitalia né Italo hanno mai voluto fare. E mentre si preferiva puntare su progetti improbabili, Arezzo fissava le sue fermate dei Frecciarossa. Il messaggio è chiaro: invece di fare propaganda, meglio affrontare
le cose per come sono nella realtà e cercare di invididuare soluzioni adeguate».

Medio Etruria da consegnare al libro dei sogni, dunque? «Sarebbe un progetto fantastico – afferma Dallai – ma non possiamo nasconderci le difficoltà di un progetto simile. Meglio allora concentrarci su come arrivare velocemente agli snodi che già ci sono. E rilanciare la stazione esistente, considerando anche che nel contratto di programma tra ministero e Trenitalia sono stati ricompresi gli intercity. Da quando c’è Delrio il problema della rete è tornato di attualità e su questo si può lavorare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *