Bene il mantenimento degli intercity. Occorre investire sul trasporto interregionale

Gen 13, 17 Bene il mantenimento degli intercity. Occorre investire sul trasporto interregionale

Scongiurata la soppressione degli intercity e in particolare di quelli che attraversano la Toscana. Da Roma arriva la risposta ufficiale alla questione sollevata dai parlamentari del territorio sul fronte del trasporto su ferro. Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, ha risposto oggi ad un’interpellanza urgente presentata insieme ad altri colleghi, nel mese scorso, in merito alla soppressione da parte di Trenitalia di 14 intercity, 8 dei quali collegano le città di Prato, Firenze, Arezzo e Chiusi.

“Il 15 gennaio sarebbe dovuta scattare la soppressione di 7 coppie di intercity. Questo non è avvenuto grazie all’impegno del Governo e delle Regioni. Siamo riusciti così a scongiurare un duro colpo ai pendolari e a tutti quei cittadini che non hanno alternative al trasporto interregionale. Il problema rimane, perché se l’azienda sostiene che i costi del servizio sono troppo alti, dobbiamo trovare una soluzione diversa alle ipotesi di taglio dei treni, che ogni anno, come dimostra anche la mia attività parlamentare in questo senso, vengono riproposte. L’impegno annunciato dal Governo di investire su questo tipo di servizi merita di trovare soluzioni tecniche adeguate, anche per non trovarci ciclicamente di fronte a queste situazioni”.

“Il Governo può valutare quanto il trasporto regionale debba essere sostenuto nel novero dei servizi offerti. Non tutti possono permettersi giornalmente l’Alta velocità, dunque o si trovano risposte diverse o si allarga il perimetro dell’Alta velocità, rendendola più accessibile. Ribadisco la necessità di avviare una programmazione a breve termine per affrontare l’ammodernamento del servizio intercity. A livello più locale – conclude il parlamentare senese – adesso dobbiamo concentrare gli sforzi verso il sud della provincia e della Regione per cercare di avvicinare sempre più il nostro territorio con Roma e con le grandi direttrici del nord Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *